EUR/USD
Google
GBP/USD
Amazon

Analisi giornaliera
delle opzioni binarie

April 1, 2016

1 Aprile, 2016

Orario (GMT) Valuta Evento Precedente Previsione
01:00 CNY PMI manifatturiero 49.0 49.3
01:00 CNY PMI non manifatturiero 52.7
01:45 CNY PMI manifatturiero Caixin 48.0 48.3
08:00 EUR PMI manifatturiero finale 51.4 51.4
08:30 GBP PMI manifatturiero 50.8 51.4
12:30 USD Spesa oraria media m/m -0.1% 0.2%
12:30 USD Variazione occupazionale extra agricola 242K 206K
12:30 USD Tasso di disoccupazione 4.9% 4.9%
14:00 USD PMI manifatturiero ISM 49.5 50.8

 

Analisi dei mercati globali

I mercati asiatici sono stati contrastati giovedì, con gran parte dei mercati che hanno chiuso la giornata in rosso. Il Nikkei giapponese ha trascorso gran parte della giornata appena oltre la linea di parità, ma è scivolato dello 0.71% negli ultimi 15 minuti di trading in reazione ad un intervento del Governatore della Bank of Japan Huruhiko Kuroda. Viceversa lo S&P/ASX 200 australiano ha conseguito un rialzo dell’1.45% a livello giornaliero, andando a sovraperformare notevolmente la regione. Lo Shanghai Composite cinese è avanzato dello 0.11% in seguito alla nuova liquidità da parte della Banca popolare cinese e alla forza dello yuan nei confronti dell’USD. Ad Hong Kong l’Hang Seng ha chiuso in calo dello 0.13% in seguito alle preoccupazioni in relazione alla situazione dei mercati finanziari cinesi. Sempre in Asia, il Kospi di Seul è scivolato dello 0.31%, mentre lo Straits Time di Singapore è scivolato dell’1.11%, sottoperformando la regione. I mercati europei hanno chiuso in ampio ribasso mentre l’euro ha continuato a rafforzarsi, mettendo pressione sulle società di esportazione europee. Lo Stoxx Europe 600 ha chiuso in calo dell’1.07%, con il DAX di Francoforte che è calato dello 0.81% e il CAC 40 di Parigi che è scivolato dell’1.34%. Il FTSE di Londra è calato dello 0.46%, trascinato al ribasso dalle azioni del comparto energetico e dei servizi pubblici. I mercati USA marzo hanno chiuso quello che è stato il mese migliore da ottobre con una nota negativa. Lo S&P 500 è scivolato dello 0.20%, il Dow ha ceduto lo 0.18%, mentre il Nasdaq è riuscito a conseguire un guadagno dello 0.01%.

 

FOREX

EUR – Giovedì la forza dell’euro non solo è continuata, ma si è anche intensificata dal momento che la moneta ha conseguito guadagni significativi nei confronti delle sue controparti.

GBP – Giovedì la sterlina è stata contrastata, in calo sull’euro, in ripresa nei confronti dello yen e invariata nei confronti dell’USD.

USD – Giovedì l’USD non è tornato a rafforzarsi, anche se sembra essere sulla buona strada in quanto ha chiuso invariato nei confronti dello yen e della sterlina, ma si è comunque indebolito nei confronti dell’euro.

JPY – Lo yen si è indebolito nei confronti dell’euro e in misura minore nei confronti della sterlina, rimanendo invariato nei confronti dell’USD.

TRY – Giovedì la lira si è rafforzata ampiamente nei confronti delle maggiori valute, mantenendo vivo il rally iniziato a febbraio.

RUB – Il rublo ha conseguito solidi guadagni nei confronti delle maggiori valute giovedì, consolidando un guadagno del 12% a livello mensile per il mese di marzo.


Materie prime

Metalli – Dopo il calo di mercoledì dell’oro sono emerse alcune azioni di caccia delle offerte giovedì. I metalli preziosi hanno beneficiato inoltre di un USD debole. L’oro con consegna a giugno è avanzato di $7.20 a $1235.60 per oncia. L’argento con consegna a maggio è avanzato di $0.244 a $15.455 per oncia.

Petrolio – Giovedì il greggio è avanzato leggermente mentre i trader rimangono incerti per quanto concerne l’offerta di greggio. Il petrolio con consegna a maggio è cresciuto $0.02 a $38.34 al barile. Su base mensile il greggio registra la miglior performance da quasi un anno a questa parte, con un positivo del 13.5% nel solo mese di marzo.

 

Indici

S&P500 – Lo S&P ha trascorso la mattinata in territorio positivo, ma quando è emerso un rally il mercato è scivolato, affondando in rosso e continuando a muoversi sempre più in negativo nel pomeriggio, per chiudere a -0.20%. Su base mensile marzo è stato il miglior mese da ottobre per l’indice da ottobre, con un guadagno del 6.7%.

DAX – Il DAX ha aperto in negativo e ha trascorso la seduta muovendosi ulteriormente al ribasso, fino a far registrare un calo dello 0.81% mentre gli investitori sono rimasti preoccupati per la forza delle esportazioni in Germania alla luce del recente rally dell’euro.

Nikkei – Il Nikkei ha aperto in positivo, ma è scivolato a livelli di parità per mezzogiorno dopo che la forza dello yen ha pesato sull’azionario. Il mercato è rimbalzato tra piccoli guadagni e il livello di parità per gran parte del pomeriggio. Appena prima della chiusura il Governatore della Bank of Japan Haruhiko Kuroda ha tenuto un discorso nel quale è stato annunciato che il piano di alleggerimento monetario tramite acquisto di bond e tassi di interesse negativi non ha “limiti quantitativi”, causando così un crollo in borsa e una chiusura a -0.71% a livello giornaliero.


Azioni

Twitter – Le azioni di questo sito di micro-blogging social media sono continuate a calare per quasi un anno dal recente massimo oltre i $50 per azione dello scorso aprile. Ieri il titolo era scambiato a soli $16.55 per azione e nonostante il modesto rialzo di fine febbraio, il titolo sembra destinato a scivolare ulteriormente. A marzo il mercato più ampio ha registrato la miglior performance degli ultimi 5 mesi, mentre le azioni di Twitter hanno patito, calando ulteriormente dai $20 per azione di inizio mese. Gli investitori continuano ad essere pessimisti sul futuro dell’azienda, dal momento che la base utenti è rallentata e i ricavi dalla pubblicità non sono brillanti se confrontati con quelli di altri social network come Facebook. Quanto ancora potrà resistere Twitter? Tutti se lo chiedono dal momento che il prezzo corrente è appena sotto al valore medio stimato dagli analisti.

 

AVVERTENZA GENERALE SUL RISCHIO: IL TRADING SULLE OPZIONI BINARIE COMPORTA UN ALTO LIVELLO DI RSCHIO, E PUO’ PROVOCARE LA PERDITA TOTALE DEL TUO INVESTIMENTO. PER QUESTO MOTIVO, LE OPZIONI BINARIE POTREBBERO NON ESSERE INDICATE PER OGNI TIPO DI INVESTITORE. NON DOVRESTI INVESTIRE DENARO CHE NON PUOI PERMETTERTI DI PERDERE. PRIMA DI DECIDERE DI FARE TRADING, DOVRESTI ESSERE PIENAMENTE CONSAPEVOLE DI TUTTI I RISCHI RELATIVI AL TRADING CON LE OPZIONI BINARIE, E AFFIDARTI ALLE OPINIONI DI UN CONSULENTE FINANZIARIO AUTORIZZATO E INDIPENDENTE. PER NESSUN MOTIVO POSSIAMO ESSERE RITENUTI RESPONSABILI NEI RISPETTI DI QUALSIASI INDIVIDUO O COMPAGNIA PER (A) QUALSIASI DANNO O PERDITA TOTALE O PARZIALE CAUSATA DA, RISULTANTE DA, O RELATIVA AD UNA TRANSAZIONE LEGATA ALLE OPZIONI BINARIE, O (B) QUALSIASI DANNO DIRETTO, INDIRETTO, SPECIALE, CONSEGUENZIALE O ACCIDENTALE. PER MAGGIORI INFORMAZIONI RIGUARDO AI RISCHI LEGATI AL TRADING SULLE OPZIONI BINARIE CLICCA QUI.

24OPTION.COM E’ UN MARCHIO DI PROPRIETA’ E OPERATO DA RODELER LIMITED, UNA COMPAGNIA DI SERVIZI FINANZIARI REGISTRATA A CIPRO (HE312820) E AUTORIZZATA E REGOLATA DAL CYPRUS SECURITIES EXCHANGE COMMISSION CON LA LICENZA NUMERO 207/13. LA SEDE DI RODELER LIMITED E’ A 39 KOLONAKIOU STREET, AYIOS ATHANASIOS, LIMASSOL CY-4103.
24option.com desidera ricordare che i feed dei prezzi presentati sul sito internet sono forniti dai market maker solo a scopo illustrativo e pertanto i prezzi potrebbero non coincidere con i prezzi reali o correnti di mercato.