EUR/USD
Google
GBP/USD
Amazon

Aggiornamenti di mercato

Sempre un passo avanti rispetto al mercato

Breaking News = Opportunità di utili 
Utilizza notizie in tempo reale, analisi, previsioni e segnali, per mettere a punto una strategia di successo

Calendario Economico

Il calendario economico è una delle risorse più efficaci a disposizione di chi opera in opzioni binarie. Consente agli investitori di individuare gli eventi che movimentano il mercato, in grado di influenzare l’andamento di azioni, indici, materie prime o coppie di valute estere.

 

Utilizza il nostro calendario economico per rimanere aggiornato e conoscere la data e l’ora dell’evento in grado di generare utili.

Report sul mercato globale

I report sul mercato globale permettono di analizzare lo stato globale di valute straniere, materie prime, indici e azioni. Questi report sono un’altra risorsa efficace da utilizzare per scegliere l’asset da scambiare e il momento giusto per farlo.

Scritto ogni giorno prima che i mercati aperti, le opzioni binarie quotidiano vi offre uno sguardo all’interno di come i mercati – e attività – si comportano; Inoltre, i principali eventi economici che si verificano ogni giorno vi permettono di focalizzare la vostra strategia su attività più probabilità di essere colpiti dalla notizia.

16-1-2017

16 Jan 2017

16 Gennaio 2017

Orario (GMT) Valuta Evento Precedente Previsione
00:01 GBP Indice dei prezzi delle abitazioni Rightmove m/m -2.1%
04:30 JPY Attività nell’industria del terziario m/m 0.2%
06:00 JPY Ordini di macchine utensili prelim y/y -5.6%
Tutto il giorno USD Festività
23:50 JPY Ordini di macchinari core m/m

 

Analisi dei mercati globali

I mercati asiatici hanno mostrato segni di debolezza venerdì dopo che gli investitori hanno adottato un approccio più cauto prima del weekend e in previsione dell’insediamento del nuovo presidente USA alla luce delle incertezze che avvolgono il futuro delle politiche economiche e fiscali dell’amministrazione Trump. Lo S&P/ASX 200 australiano ha sottoperformato la regione, calando dello 0.79% e chiudendo ai minimi di seduta dopo che i finanziari hanno detratto dalla performance dopo i ribassi visti a Wall Street, trascinando il mercato al ribasso. Il Nikkei giapponese ha preso la direzione opposta e ha chiuso in rialzo dello 0.80%, con la debolezza dello yen sull’USD che ha supportato nuovamente l’azionario giapponese. Lo Shanghai Composite cinese ha chiuso con una perdita dello 0.21%, ma l’azionario di Hong Kong ha continuato ad avanzare, crescendo dello 0.47% e registrando la sesta seduta di rialzi tra le ultime sette. In Corea del Sud il Kospi ha chiuso la seduta in ribasso dello 0.50%, mentre lo Straits Times di Singapore ha sovraperformato, con un guadagno dell’1.07%. I mercati europei sono rimbalzati, recuperando le perdite giovedì dopo essersi portati in ampio rialzo. Lo Stoxx Europe 600 ha chiuso la giornata in positivo dello 0.95%, con il DAX di Francoforte che è avanzato dello 0.94% e il CAC 40 di Parigi che è avanzato dell’1.20%. A Londra il FTSE ha esteso la striscia di sedute in positivo a quattordici, avanzando dello 0.62% a livello giornaliero. I mercati USA hanno aperto in positivo, ma hanno iniziato ad arrancare nel pomeriggio, chiudendo contrastati. Lo S&P 500 ha chiuso in rialzo dello 0.18%, il Dow è calato dello 0.03% e il Nasdaq ha chiuso ad un nuovo massimo record a +0.48%
FOREX

EUR – Venerdì l’euro si è imposto nei confronti dell’USD, chiudendo invece invariato nei confronti della sterlina e in calo sullo yen.

GBP – La sterlina ha chiuso in rialzo nei confronti dell’USD e invariata nei confronti dell’euro, ma in calo nei confronti dello yen.

USD – L’USD ha ceduto i guadagni maturati inizialmente, chiudendo la giornata in ampio ribasso nei confronti delle sue controvalute venerdì.

JPY – Venerdì lo yen si è rafforzato ampiamente nei confronti delle sue rivali, guadagnando terreno nel corso della giornata mentre i trader hanno optato per posizioni di avversione al rischio prima del lungo weekend festivo negli USA.

TRY – La lira ha aperto in calo, ma a chiuso la giornata al rialzo nei confronti delle valute maggiori dopo che i cittadini turchi sono stati invitati a convertire le divise estere in lira. Inoltre, vi sono indicazioni dell’intenzione della Bank of China di aprire un deposito in lire turche per un controvalore superiore a $300 milioni.

RUB – Le perdite sul mercato del greggio hanno portato il rublo a scivolare venerdì, calando ampiamente nei confronti delle maggiori valute ed azzerando così parte dei guadagni realizzati nella seduta precedente in reazione alla forza del greggio.


Materie prime

Metalli – I metalli preziosi sono scivolati venerdì a fronte del rafforzamento dell’USD, ma hanno conseguito dei guadagni settimanali. L’oro con consegna a febbraio è scivolato di $3.60, pari allo 0.3%, attestandosi a $1196.20 per oncia, ma è cresciuto dell’1.9% su base settimanale. L’argento con consegna a marzo è calato di $0.06, pari allo 0.4%, attestandosi a $16.765 per oncia ed è cresciuto dell’1.5% su base settimanale.

Petrolio – Il greggio è scivolato venerdì a fronte dei dubbi dei trader sull’accordo dell’OPEC volto teoricamente a tagliare la produzione e stabilizzare i prezzi del greggio. Il greggio WTI con consegna a febbraio è calato di $0.64, pari all’1.2%, attestandosi a $52.37 al barile, per un ribasso settimanale di circa il 3%, nella peggiore settimana delle ultime dieci.

 

Indici

S&P500 – Lo S&P ha aperto la seduta di venerdì al rialzo, ma i rialzi sono iniziati ad esaurirsi attorno ad ora di pranzo, dal momento che gli investitori sono divenuti sempre più cauti in attesa del weekend lungo negli USA. Nel pomeriggio la presa di benefici ha trascinato il mercato al ribasso, per una chiusura in lieve positivo dello 0.18%.

DAX – Il DAX ha aperto al rialzo e ha continuato a crescere solidamente nel corso della giornata, in seguito alla forza dei produttori di auto e del settore farmaceutico, che sono rimbalzati dalle perdite della seduta precedente. In chiusura il DAX è avanzato dello 0.94%, chiudendo la settimana con una nota positiva.

Nikkei – Il Nikkei è cresciuto in apertura in reazione alla debolezza registrata nella notte dallo yen nei confronti del dollaro USA. A fronte del continuo calo dello yen, l’indice è schizzato al rialzo dopo la pausa pranzo. Successivamente l’indice giapponese si è ripreso leggermente, avanzando fino a chiudere la seduta in positivo dello 0.80%.


Azioni

JPMorgan Chase & Co. – Questa banca di investimento è cresciuta dello 0.53% venerdì dopo aver riportato dati sugli utili Q4 migliori delle attese, grazie alla forza del settore del trading, che ha generato maggiori profitti. Tuttavia, il titolo rimane bloccato in un intervallo compreso tra $85 e $87 per azione da inizio dicembre. Il titolo ha chiuso la seduta di venerdì a $86.70, appena sotto alla banda superiore dell’intervallo, ma rimarrà da vedere se riuscirà a violare tale resistenza e riprendere il rally che l’ha proiettato dai minimi di $57.61 di fine giugno ai livelli correnti. I finanziari hanno reagito positivamente all’elezione di Donald Trump a novembre, ma il rally si è raffreddato notevolmente nel 2017, in quanto le incertezze riguardanti le politiche economiche e fiscali di Trump sono aumentate. Riteniamo che il titolo abbia margini di rialzo, ma non fino a che queste incertezze saranno superate.

leggi l'articolo completo qui

12-1-17

12 Jan 2017

12 gennaio 2017

Orario (GMT) Valuta Evento Precedente Previsione
06:00 JPY Sentiment degli osservatori economici 48.6 49.3
11:00 EUR Produzione industriale m/m -0.1% 0.5%
13:30 EUR Verbali incontro di politica monetaria BCE
14:30 CAD Indice dei prezzi delle nuove abitazioni m/m 0.4% 0.3%
14:30 USD Richieste di sussidi di disoccupazione 235K 266K
14:30 USD Prezzi all’importazione m/m -0.3% 0.8%

 

Analisi dei mercati globali 

I mercati asiatici sono stati scambiati per lo più al rialzo mercoledì dopo che gli investitori nella regione erano cautamente ottimisti per il discorso del presidente eletto Donald Trump previsto per il corso della giornata. Lo S&P/ASX 200 australiano ha registrato una presa di profitti in tarda giornata, ma è riuscito a chiudere in rialzo dello 0.19% grazie alla forza registrata dalle materie prime durante la seduta. In Giappone il Nikkei è avanzato dello 0.33% dopo che gli investitori hanno iniziato a sperare che le novità nella politica fiscale consentiranno più investimenti giapponesi negli USA. Lo Shanghai Composite cinese ha sottoperformato, calando dello 0.79%, a causa della preoccupazioni degli investitori cinesi per un possibile aumento dei dazi sulle esportazioni cinesi da parte di Trump. L’Hang Seng di Hong Kong è continuato ad avanzare, chiudendo in rialzo dello 0.84%. Il Kospi di Seul ha sovraperformato la regione, guadagnando l’1.47% nonostante i dati pubblicati evidenziano che la disoccupazione in Corea del Sud ha raggiunto più di 1 milione di persone per la prima volta dal 2000. Lo Straits Times di Singapore è andando in controtendenza ed ha riportato una lieve perdita dello 0.17% a livello giornaliero. I mercati europei hanno ceduto i guadagni iniziali durante il discorso di Trump, ma hanno poi chiuso in ampio rialzo. Lo Stoxx Europe 600 è avanzato dello 0.23%, il DAX è cresciuto dello 0.54% e il CAC 40 di Parigi ha chiuso in rialzo di solo lo 0.01%. Il FTSE di Londra ha registrato la dodicesima seduta consecutiva di rialzi, la più lunga striscia di rialzi in assoluto, e la decima chiusura record consecutiva, avanzando dello 0.21%. I mercati USA sono stati contrastati e scambiati in negativo per gran parte della giornata, ma sono rimbalzati durante il discorso del presidente eletto Donald Trump. In chiusura lo S&P 500 è avanzato dello 0.28%, il Dow ha guadagnato lo 0.50% e il Nasdaq ha chiuso ad un nuovo massimo di chiusura record avanzando dello 0.21%.  

 

FOREX

EUR – Mercoledì l’euro è stato contrastato, in ripresa sull’USD, in calo sullo yen e invariato nei confronti della sterlina.

GBP – Anche la sterlina si è imposta sull’USD, calando nei confronti dello yen e chiudendo la seduta invariata nei confronti dell’euro.

USD – Mercoledì il dollaro USA si è indebolito, con ampi cali nei confronti delle sue controvalute verso l’ultima parte della giornata, caratterizzata da scambi volatili a causa della reazione dei trader al discorso del presidente eletto Donald Trump.

JPY – Lo yen si è imposto ampiamente nei confronti delle sue controvalute mercoledì, mentre rimangono alcune incertezze tra gli operatori di mercato che hanno supportato la valuta rifugio.

TRY – Mercoledì la mancanza di fiducia nella linea ha continuato a caratterizzare gli scambi, con la moneta turca che è nuovamente scivolata ampiamente e fortemente nei confronti di tutte le maggiori valute.

RUB – Mercoledì il rublo si è imposto ampiamente in un’altra seduta di trading volatile, con il rialzo del greggio che ha supportato la moneta russa, fortemente legata al petrolio.

 

Materie prime

Metalli – L’oro è avanzato mercoledì, con i rialzi che sono andati via via aumentando nell’ultima parte della giornata a fronte della ritirata dell’USD. L’oro con consegna a febbraio è avanzato di $11.10, pari allo 0.9%, a quota $1196.60 per oncia, ai massimi del 22 novembre. I mercati dell’argento non sono stati altrettanto fortunati, anche se hanno recuperato parte delle perdite subite, con il contratto di marzo che ha chiuso in ribasso dello 0.1%, pari a $0.02, a quota $16.828 per oncia.

Petrolio – Il greggio ha recuperato le perdite durante le ultime due sedute ed è avanzato dopo che l’OPEC ha riportato un calo della produzione per la prima volta in sette mesi, segnalando che il gruppo rimane determinato a mantenere l’accordo volto a tagliare la produzione. Il greggio WTI con consegna a febbraio è avanzato di $1.43, pari al 2.8%, attestandosi a $52.25 al barile.

 

Indici 

S&P500 – Lo S&P ha guadagnato durante le prime fasi della seduta in previsione del discorso di Donald Trump ed ha poi registrato una volatilità estrema durante e subito dopo la conferenza stampa. Tale volatilità ha portato l’indice ad entrare ed uscire dal territorio negativo due volte prima di riassestarsi e riportarsi in positivo per una chiusura a +0.28%.

DAX – Il DAX ha aperto in negativo, ma è entrato in territorio positivo entro metà mattinata. L’indice ha continuato a guadagnare terreno durante la giornata e nonostante diversi mercati in Europa sono calati durante l’intervento del presidente eletto Donald Trump, il DAX è cresciuto con maggiore convinzione, fino a chiudere in positivo dello 0.54%.

Nikkei – Mercoledì il Nikkei ha guadagnato in apertura ed è riuscito a consolidare tali guadagni a fronte del calo dello yen durante la seduta. Gli investitori giapponesi sono stati cautamente ottimisti in previsione del discorso di Trump, in quanto sperano che la politica fiscale ed economica della presidenza Trump rafforzeranno il dollaro USA e consentiranno alle società giapponesi di investire più agevolmente negli Stati Uniti. Il Nikkei ha chiuso in rialzo dello 0.33%, in prossimità dei massimi intraday.

 

Azioni

Exxon Mobil Corporation – Dopo essere calate fortemente da inizio anno, le azioni di Exxon Mobil hanno trovato supporto in prossimità del livello di $85 e sono avanzate mercoledì. Il titolo è stato supportato dal rally del greggio, dovuto all’annuncio di un calo della produzione dall’OPEC. Il titolo è così avanzato dell’1.02% mercoledì e il livello di $95 sembra ora a portata di mano, in quanto gli investitori e i trader hanno una forte indicazione che l’OPEC darà seguito all’accordo di tagliare la produzione al fine di stabilizzare il prezzo del greggio. Una volta che il titolo raggiungere la resistenza di breve periodo di $95, dovrebbe portarsi agevolmente verso i massimi storici appena oltre quota $100, anche se questo potrebbe rappresentare una resistenza più difficile da superare.

 

leggi l'articolo completo qui

Latest promotions

Aumenta la tua potenza commerciale approfittando delle opportunità gratuite

Binary Options, Forex and CFD trading | 24option.com

IL DENARO TI CAMBIA LA VITA

Cambia la tua vita con uno di questi tre premi: Apple Watch, 2 biglietti VIP per una partita di calcio in Europa o 5.000 € CASH sul tuo conto. Ti basta inviare denaro sul tuo conto e contattare il tuo account manager! Si applicano i termini e condizioni

AVVERTENZA – RISCHI GENERALI: IL TRADING DI CFD E OPZIONI BINARIE COMPORTA UN ALTO LIVELLO DI RISCHIO, E POTREBBE NON ESSERE ADATTO A TUTTI GLI INVESTITORI.  ESSENDO POSSIBILE PERDERE PER INTERO IL CAPITALE INVESTITO, SI RACCOMANDA DI NON INVESTIRE DENARO CHE NON CI SI PUÒ PERMETTERE DI PERDERE. PER MAGGIORI INFORMAZIONI SUI RISCHI CHE SI ASSUMONO, FARE CLIC QUI.

INFORMAZIONI SULL’AZIENDA/SUL SITO WEB:  24OPTION.COM/EU È DI PROPRIETÀ E GESTITO DA RODELER LIMITED, SOCIETÀ AUTORIZZATA A FORNIRE SERVIZI E/O ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO ALL’INTERNO DELLO SPAZIO ECONOMICO EUROPEO. RODELER LIMITED NON EROGA SERVIZI A CITTADINI RESIDENTI FUORI DALLO SPAZIO ECONOMICO EUROPEO.  RODELER LIMITED È UNA SOCIETÀ DI INVESTIMENTO CIPRIOTA REGISTRATA A CIPRO (HE 312820) E AUTORIZZATA E REGOLAMENTATA DALLA CYPRUS SECURITIES AND EXCHANGE COMMISSION CON NUMERO DI LICENZA 207/13. RODELER LIMITED È ISCRITTA NELL’ALBO DELLE IMPRESE DI INVESTIMENTO COMUNITARIE SENZA SUCCURSALE TENUTO DALLA CONSOB AL NUMERO 3853.  RODELER LIMITED HA SEDE A 39 KOLONAKIOU ST., AYIOS ANTHANASIOS, CY-4103 LIMASSOL, CIPRO. PER MAGGIORI INFORMAZIONI FAI CLIC QUI O CONTATTACI A [email protected].

RODELER LIMITED APPARTIENE ALLO STESSO GRUPPO DI AZIENDE DI RICHFIELD CAPITAL LIMITED. RICHFIELD CAPITAL LIMITED È UN’AZIENDA REGOLAMENTATA DALLA INTERNATIONAL FINANCIAL SERVICES COMMISSION OF BELIZE CON NUMERO DI LICENZA IFSC/60/440/TS/15-16. 24OPTION.COM È GESTITO E DI PROPRIETÀ DI RICHFIELD CAPITAL LIMITED. I DUE SOGGETTI CONDIVIDONO IL MARCHIO 24OPTION. RICHFIELD CAPITAL LIMITED NON EROGA SERVIZI A CITTADINI RESIDENTI NELLO SPAZIO ECONOMICO EUROPEO. 

AVVERTENZA – RISCHI GENERALI: IL TRADING DI CFD E OPZIONI BINARIE COMPORTA UN ALTO LIVELLO DI RISCHIO, E POTREBBE NON ESSERE ADATTO A TUTTI GLI INVESTITORI.  ESSENDO POSSIBILE PERDERE PER INTERO IL CAPITALE INVESTITO, SI RACCOMANDA DI NON INVESTIRE DENARO CHE NON CI SI PUÒ PERMETTERE DI PERDERE. PER MAGGIORI INFORMAZIONI SUI RISCHI CHE SI ASSUMONO, FARE CLIC QUI.

INFORMAZIONI SULL’AZIENDA/SUL SITO WEB:  24OPTION.COM/EU È DI PROPRIETÀ E GESTITO DA RODELER LIMITED, SOCIETÀ AUTORIZZATA A FORNIRE SERVIZI E/O ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO ALL’INTERNO DELLO SPAZIO ECONOMICO EUROPEO. RODELER LIMITED NON EROGA SERVIZI A CITTADINI RESIDENTI FUORI DALLO SPAZIO ECONOMICO EUROPEO.  RODELER LIMITED È UNA SOCIETÀ DI INVESTIMENTO CIPRIOTA REGISTRATA A CIPRO (HE 312820) E AUTORIZZATA E REGOLAMENTATA DALLA CYPRUS SECURITIES AND EXCHANGE COMMISSION CON NUMERO DI LICENZA 207/13. RODELER LIMITED È ISCRITTA NELL’ALBO DELLE IMPRESE DI INVESTIMENTO COMUNITARIE SENZA SUCCURSALE TENUTO DALLA CONSOB AL NUMERO 3853.  RODELER LIMITED HA SEDE A 39 KOLONAKIOU ST., AYIOS ANTHANASIOS, CY-4103 LIMASSOL, CIPRO. PER MAGGIORI INFORMAZIONI FAI CLIC QUI O CONTATTACI A [email protected].

RODELER LIMITED APPARTIENE ALLO STESSO GRUPPO DI AZIENDE DI RICHFIELD CAPITAL LIMITED. RICHFIELD CAPITAL LIMITED È UN’AZIENDA REGOLAMENTATA DALLA INTERNATIONAL FINANCIAL SERVICES COMMISSION OF BELIZE CON NUMERO DI LICENZA IFSC/60/440/TS/15-16. 24OPTION.COM È GESTITO E DI PROPRIETÀ DI RICHFIELD CAPITAL LIMITED. I DUE SOGGETTI CONDIVIDONO IL MARCHIO 24OPTION. RICHFIELD CAPITAL LIMITED NON EROGA SERVIZI A CITTADINI RESIDENTI NELLO SPAZIO ECONOMICO EUROPEO.